Il Presidente del Consiglio Mario Draghi, il ministro degli esteri Luigi Di Maio e il ministro della difesa Lorenzo Guerini hanno accolto l’arrivo delle salme dell’ambasciatore Luca Attanasio e del carabiniere Vittorio Iacovacci uccisi nell’attentato a Goma assieme al loro autista congolese Mustapha Milambo. L’Italia è in lutto. Le bandiere sono a mezz’asta. Le famiglie, il mondo della diplomazia, l’Arma dei Carabinieri e la Chiesa congolese sono sconvolti dal profondo dolore per quanto accaduto.

i feretri avvolti nella bandiera tricolore sono scesi dal KC767 dell’Aeronautica Militare atterrato a Ciampino. Sull’aereo viaggiavano anche la moglie e le tre figlie dell’ambasciatore, che con lui vivevano a Kinshasa, e alcuni parenti del carabiniere che erano partiti appositamente da Sonnino, in provincia di Latina. Ad accogliere sulla pista le due bare un picchetto militare interforze, composto anche da carabinieri del 13° Reggimento Friuli Venezia Giulia, che fa parte della 2a Brigata Mobile dell’Arma, di cui Iacovacci era componente. E naturalmente il Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri Teo Luzi 

Il 24 febbraio alla Camera dei Deputati e al Senato della Repubblica ha avuto luogo l’informativa urgente del Ministro degli Esteri, Luigi Di Maio in merito ai tragici eventi accaduti in Congo il 22 febbraio 2021.