Nella Giornata nazionale contro il bullismo e il cyberbullismo, la Polizia di stato lancia il film breve ha cui ha collaborato alla realizzazione, “La Stanza” di Giuseppe Alessio Nuzzo, trasmesso il 7 febbraio su Rai3, prima dell’edizione del Tg delle 14, e visibile su RaiPlay e su Rai Cinema Channel VR nella versione per visore di realtà virtuale. Tra gli attori ci sono Michele Placido, Nicoletta Romanoff, Michele Rosiello, Pamela Camassa e Gina Amarante, mentre la colonna sonora è il brano “Castelli di carte” di Anastasio. Sul sito della Polizia di stato si legge come l’obiettivo del film sia quello di lanciare un messaggio ai giovani internauti per un uso consapevole e responsabile della rete e dei suoi strumenti, facendo comprendere le conseguenze che la tecnologia può generare nella vita di un ragazzo. “La stanza” è un progetto realizzato con Polizia di Stato, ministero dei Beni e delle Attività culturali, e Siae, Film Commission regione Campania, comune di Acerra, Agenzia nazionale giovani, ed è supportato da House of Talent, influencer giovanissimi che promuoveranno il corto su Instagram e racconteranno il progetto nell’ambito di eventi online formativi, organizzati con ScuolaZoo.

È il giorno di Natale. Andrea sta chattando e solo la luce bianca dello schermo del computer illumina la sua stanza. Ad un tratto i suoi genitori entrano nella camera insieme ad un poliziotto: una foto nuda di Andrea è stata pubblicata su Internet. Andrea cambia casa, scuola, amici per scappare dall’inferno che quella foto gli ha procurato, ma inutilmente: l’artefice di tutto riesce a trovarla nuovamente. Andrea non regge più la pressione di questa situazione, accende la webcam e registra un video per raccontare la sua tragica storia, l’ultimo prima di suicidarsi. Ma la vita regala, però, un’altra opportunità.

L’obiettivo che si pone il film è quello di lanciare un messaggio ai giovani internauti per un uso consapevole e responsabile della Rete e dei suoi strumenti, dagli smartphone, ai pc, ai tablet, per far comprendere le conseguenze che la tecnologia può generare nella vita di un ragazzo.
I messaggi, le immagini e i video pubblicati su Internet oggi si diffondono in maniera incontrollata e restano presenti nel web per sempre, creando problemi che in alcuni casi possono avere anche conseguenze drammatiche.

Parlare con un genitore o con amici fidati può aiutare a non finire nella rete di persone senza scrupoli. Fondamentale è rivolgersi alla Polizia per affrontare al meglio queste situazioni.
Per far arrivare il messaggio ai più giovani, il progetto è stato anche supportato da House of Talent, influencer giovanissimi che promuoveranno il corto su Instagram e racconteranno il progetto nell’ambito di eventi online formativi, organizzati con ScuolaZoo.
“La stanza” è un progetto sia lineare che in realtà virtuale 360° 3D realizzato con Polizia di Stato, ministero dei Beni e delle Attività culturali, e Siae, Film Commission regione Campania, comune di Acerra, Agenzia nazionale giovani.

Per saperne di più