Esattamente 150 anni fa Roma veniva proclamata ufficialmente capitale d’Italia da parte del Parlamento italiano. Un anniversario che non deve passare inosservato secondo Passo Civico e il gruppo Per Roma. Per questo motivo le due associazioni hanno animato una Maratona Oratoria incentrata sul valore di Roma capitale per la nazione Italia. Una iniziativa pubblica in Piazza di Montecitorio, in cui si sono viste sfilare numerose personalità del mondo della politica, della cultura, dell’associazionismo per esprimere la loro idea di Roma e del ruolo che essa può svolgere per l’Italia e a livello internazionale.

Tra i deputati e senatori che hanno aderito all’iniziativa, per la maggior parte  membri dell’Osservatorio Parlamentare Per Roma – appartenenti a tutti gli schieramenti – Paola Binetti, Monica Cirinnà, Maurizio Gasparri, Marianna Madia, Riccardo Magi, Rossella Muroni, Fabio Rampelli, Paola Taverna. Alla Maratona Oratoria hanno partecipato anche esponenti del mondo della società civile.

Il valore di essere Capitale

Obiettivo dell’iniziativa: richiamare all’attenzione verso il valore di questo essere Capitale, all’importanza per l’Italia di questa scelta di 150 anni fa e delle responsabilità che questo status comporta. Sia a livello economico e finanziario che culturale, sociale  e internazionale.

Ravagnoli: il rilancio della Città eterna non si può più rinviare

Siamo consapevoli, e allarmati, per le condizioni di grave degrado fisico e morale nel quale da anni versa la Capitale –  ha detto Marco Ravaglioli, presidente di Per Roma– e riteniamo non più rinviabile una forte azione di rilancio della città. Ma questo richiede un colpo d’ala che coinvolga l’intera Nazione”.

De Napoli: Roma, risorsa straordinaria per l’Italia intera

“I cittadini italiani – ha aggiunto Antonio De Napoli, presidente di Passo Civico – devono comprendere come Roma possa costituire una risorsa straordinaria per il Paese. Per il prestigio mondiale di cui gode in virtù della sua millenaria storia di civiltà, per il suo ruolo di capitale della Cristianità e di capitale europea, per i suoi innumerevoli tesori di arte e di cultura che ne fanno la culla ideale per gli appassionati del bello. L’Italia intera non può che guardare positivamente alla rigenerazione della sua Capitale”.